Perché i gatti adorano le olive e le formiche schiacciate

n. 652

gattosilverAvete mai visto cosa fanno i gatti se possono avere un’oliva? Diventano pazzi: iniziano a sfregare il musino contro il piccolo frutto, lo prendono fra le zampine e si rotolano per terra... L’effetto è praticamente identico a quello scatenato mordendo le foglie di erba gatta.

Nel  caso dell’erba la molecola responsabile dell’estasi è il nepetalactone (a cui solo il 50% dei mici è sensibile) mentre nelle olive la fonte di gioia estemporanea è l’acido oleico. Che cosa ha di speciale questa sostanza? Semplice: sa di... gatto!

L’acido oleico è l’ingrediente principale che compone i ferormoni che fanno parte a loro volta del loro odore personale (avete notato che ogni gatto ne ha uno?). In prossimità delle guance infatti  il gatto è dotato di ghiandole che producono una specie di “olio profumato personale”, che per lui è come una firma. Con esso  infatti  “marca” l’ambiente, gli oggetti, le persone con cui convive: la superficie strofinata con il musino emanerà un odore che comunica agli altri felini Questo sono io, io sono passato di qui, questo mi appartiene. Se si strofina sui suo bipede, vuol dire anche “ti lascio il mio odore perché così sono più tranquillo, mi piace che tu sappia del mio odore”. Quando si strofina contro l’oliva, è stra-felice di apprendere che quel piccolo oggetto rotolante “sa di lui”.

Non a caso il più famoso feromone sintetico da spruzzare in casa (sui divani, negli angoli, ecc...) per far trovare un ambiente “felinamente amichevole” a un nuovo micio, è a base di acido oleico.

Altra curiosità: vi è mai capitato che il vostro micio all’improvviso si strofini contro le scarpe*? Anche in questo caso il miciovsente l’acido oleico. Proviene dal corpo di qualche formica rimasta schiacciata sotto le suole. Quando questi piccolissimi animali sentono puzza di acido oleico nel formicaio, si mettono in allarme e partono in quarta per... rimuovere il cadavere.

* meglio non permetterglielo perché con le scarpe si raccolgo miliardi di batteri e virus

 

Facebook Comments Box