gatti

Parla con miao

n. 436

canegattoScambiare due parole con il proprio cane e discutere di come è andata la giornata col proprio gatto è un importante passaggio dell’evoluzione umana. Non ci credete? Allora rimarrete stupiti dal lavoro dell’antropologa Pat Shipman, che ha  pubblicato un libro per raccontare le sue scoperte, raccolte nel corso di anni di studi. Sulla copertina spicca un irresistibile muso di shar pei mentre il titolo recita The Animal Connection (W. W. Norton & Company) insieme a un sottotitolo chiarificatore: “Una nuova prospettiva su ciò che ci rende umani”. Ebbene sì, se siamo riusciti ad avere un cervello sempre più complesso e adatto per capire che una casa di paglia era meglio di una caverna è stato anche merito loro

 

...(continua)

 

La supervista di gatti e Monet

n. 417

fusionStavo leggendo una notizia interessante: alcuni scienziati hanno scoperto che i gatti  sono in grado di vedere una parte dei raggi ultravioletti, raggi che ai nostri occhi sono totalmente invisibili. Che i gatti siano creature speciali, non mi stupisce più ma la notizia continuava aggiungendo che la stesa cosa capita a chi è operato di cataratta...(continua)

 

Gattovisione...

n. 238

parola

Rasmusab è un utente di Youtube che ha caricato un video che ha fatto il giro di tutta la rete: la reazione del suo gatto davanti alla famosa illusione ottica dei serpenti rotanti. A giudicare dalla reaizone del felino, qualcosa si muove anche davanti ai suoi occhi! Rasmusab invita gli utenti della rete ad approfondire questo gioco scientifico collegandosi all’indirizzo

https://docs.google.com/forms/d/1eFIRSsfica738xH8P67bFNjyyboJDfcctwtpxE1FPac/viewform

per compilare il modulo allo scopo di condividere e accumulare informazioni sulle reazioni dei gatti davanti ad altre illusioni ottiche. Vorrei inziare subito i test ma in questo momento i miei pelosi coinquilini stanno dormendo come macigni.

Altre illusioni

 

 parola

Astrogatti

n. 219

parola

Era il 1968 e il fisico Thomas R. Kane della Standford University stava studiando da ben due anni la favolosa caduta sulle quattro zampe dei mici. Non è un salto qualsiasi quello che fanno i felini, in certe condizioni di altezza: è una caduta libera. Cioè nelle condizioni in cui viene a trovarsi un astronauta in orbita.

(continua)

Il paradosso del Gatto di Schroedinger

n. 215

parola

Il paradosso del Gatto di Schroedinger doveva essere l'ultimo, decisivo, fatale attacco al cuore della fisica quantistica, sotto l'influenza di Einstein, con cui Erwin Schroedinger scambiò molte lettere fra il giugno e l'agosto del 1935.

Ed ecco di cosa si tratta. Immagina di prendere una scatola. Al suo interno ci sono un gatto e un meccanismo: un contenitore pieno di atomi che hanno la probabilità di decadere o di non decadere. Quindi: un'ora forse decade o forse no. Se decade, il dispositivo si aziona e rompe una fiala di veleno che uccide il micio. Vorrei tranquillizzare i SindaGatti: l'esempio è piuttosto truce ma si tratta di un esperimento mentale e nessun gatto è stato torto un baffo.

Pages