news

Cosa abbiamo in testa?

n. 293

neuroni

Quando vado dal medico di base, entro in un mondo parallelo. Innanzitutto ottenere un appuntamento non è facile. I motivi sono sostanzialmente due: il mio medico è di una pazienza infinita, non si accontenta di scrivere ricette e prescrivere esami a vanvera ma parla con il paziente fino a capire cosa c'è che davvero non va, senza trascurare gli aspetti psicologici. Il secondo motivo invece mi fa arrabbiare: tantissimi pazienti vanno dal medico perché, come mi raccontava la segretaria, non hanno niente da fare e si presentano tutti i giorni. Potrebbero andare a visitare un museo, fare un salto in biblioteca o tante altre cose ma… niente. Lo studio medico è la loro meta di prima scelta perché 1) è gratis; 2) avere una persona che ascolta le nostre sfighe è un po' come a mandare l'anima in beauty farm. Tant'è vero che non basta sfogarsi col medico: anche la piccola e affollata sala d'aspetto può diventare un confessionale a cielo aperto, dove le persone raccontano i propri guai a degli sconosciuti (e poi ci stupiamo delle sbrodolate personali che avvengono su Facebook: cambia il mezzo, ma non la sostanza).

(Continua)

Curve da mal di testa

n. 295

reggiseno

Donne dotate di grandi gemelle*, come va la cervicale? L'osteopata e terapista sportivo Richard Moore di Nottingham intervistato dal Daily Mail Online è molto preoccupato per voi: l'esperto dice che sempre più donne si rivolgono a lui perché non riescono a sconfiggere misteriosi mal di testa, mal di schiena e alla cervicale. Moore sostiene che molto probabilmente la colpa è del reggiseno sbagliato o del fatto che è indossato nel modo errato. Spesso stringe troppo il busto, formando delle costrizioni che impediscono ai muscoli di lavorare correttamente.

(Continua)

Anche la cola si gonfia

n. 301

cola

Mi scrive una simpaticissima lettrice: Scusi professoressa Miao, si è discusso in casa di una questione che tanto per cambiare è fisica applicata. Sappiamo che l'acqua a zero gradi centigradi cambia di stato aumentando di volume, ma la coca cola...? Aumenta della stessa percentuale il proprio volume o di più? Chi sostiene che aumenta di più attribuisce la causa "alle bollicine". Attendiamo l'ardua sentenza! Grazie!!!

(Continua)

 

Il cattivo gusto del buongusto

n. 300

parola

Oggi al supermercato ho dato un'occhiata all'etichetta di un famoso dessert da mettere in congelatore e poi gustare a fine pasto, il Ferrero Grand Soleil (il nome mi ricorda più le tende da sole che un dolce). A me non piace, quando l'ho assaggiato invece di farmi digerire, si è ricomposto nello stomaco con la densità del piombo (ok, sono un po' delicata...).

Comunque non capisco perchè se si compra un dessert industriale, dentro ci si possa trovare... l'alcool buongusto (1,2%).

Non lo avevo mai sentito nominare. Mi sono documentata e ho scoperto che è semplice alcool etilico, l'unico alcool che per uso alimentare. Questa cosa mi ha infastidita parecchio. Ho un'amica a cui basta un'ombra di alcool per stare molto male e cosa succederebbe se mangiasse questo dessert senza leggere l'etichetta? E un dessert così è adatto ai bambini? E poi perchè è il nome "buongusto"? Un trucchetto per farlo sembrare più innocuo e gradevole?

Sulu, alla via così!

n. 299

curvatura

La notizia è di quelle che …uau, sarà vero? Sì insomma, viaggiare come l'astronave Enterprise a una velocità superiore a quella della luce (300.000km/sec) e andare a rompere le scatole a tutti gli alieni dell'Universo? La notizia è proprio questa: alla Nasa il fisico Harold White sta davvero studiando il “motore a curvatura”. Nell'Universo le distanze fra oggetti celesti sono enormi, una caratteristica che non facilita di certo gli scambi inter-extra-culturali. Per esempio, il nostro Sole dista da noi “solo” 150 milioni di chilometri: se per assurdo volessimo raggiungerlo a bordo di un'auto a 100km/h, impiegheremmo 170 anni. Niente confronto della seconda stella più vicina, Proxima Centauri, a 40 miliardi di chilometri dalla Terra.

(Continua)

Fedeltà utile

n. 297

cigno

A guardare i giornali, sembra che solo d'estate si pensi e si faccia sesso. Su Focus di questo mese la copertina artistica non lascia dubbi su cosa stiano facendo mentre nel gossip è tutto un fiorire di luccicanti corna sotto il sole. Anche la scienza ficca il naso sotto le lenzuola per scoprire se la fedeltà è una questione di cuore, di cultura, di pressione da parte della società oppure una cosa del tutto innaturale che va contro i nostri pruriti ormonali. E da dove si inzia a studiare il caso? Dagli animali !

(Continua)

Il nome della cosa

n. 298

hello kitty nebula

E io che avevo già sognato di dire: Vedi, in quella direzione orbita “Chicco” (il mio amato gattone che ora non c'è più) e quella invece è la nebulosa di Hello Kitty. Invece l'Unione Astronomica Internazionale è stata severissima: se volete proporre dei nomi da assegnare agli oggetti celesti di recente scoperta (pianeti, lune, stelle, ecc) non dovete usare nomi di animali né di prodotti commerciali. Certo che sono un po' noiosi quelli della IAU: si sono perfino rifiutati di chiamare “Vulcano”, in onore del signor Spock, una nuova luna scoperta attorno a Plutone. Il motivo? Vulcano era già stato usato per indicare un ipotetico pianeta situato fra Sole e Mercurio.

Anche l'attore William Shatner, l'attore che aveva interpretato il capitano Kirk nella serie Star Trek Classica, aveva sposato la causa via twitter ma … niente, quelli della IAU sono stati irremovibili. Quasi come dei veri vulcaniani. Attualmente sta aspettando un nome l'oggetto S/2004 N 1, un satellite di Nettuno appena scoperto. L'astronomo che l'ha indviduato, Mark Showalter propone Polifemo ma quelli della IAU non si sono ancora espressi.

Se volete inviare le vostre idee a iaupublic@iap.fr, assicurano che le proposte saranno vagliate seriamente una per una.

Operazione black toner

n. 296

 Operazione black toner 1

Mi è preso il raptus: ho smontato la mia stampante. Non stampava più in nero. E dopo aver comprato un nuovo set di toner pensando che il toner si era semplicemente esaurito, ho scoperto grazie a internet che è un difetto delle Samsung CLP300. Il nero c'è ma rimane incrostato in una zona prossima al rullo. Ma esaltata dal fatto che su youtube un tizio spiegava che quel difetto si poteva facilmene risolvere (basta pulire il “tettuccio” di metallo del nero) mi sono fatta prendere dall'entusiamo e l'ho smontata. Ho seguito passo-passo le istruzioni: nella foto che segue vedere il cuore dell'oggetto. Quello verde a sinistra è il tamburo fotosensibile, quello che caricato elettrostaticamente, attira la polvere di toner per trasferirla poi sulla carta. E in basso al centro si intravvede il rullo del ciano. C'è anche quello magenta, giallo e nero ma non sono stata molto abile nella foto Operazione black toner 2

(Continua)

L'assassino è una donna. Forse

n. 292

rossetto

Quando sono a pranzo da amici e a tavola trovo il tovagliolo di tessuto… ahia! È imbarazzante indossare il rossetto e rischiare di macchiare il cotone con un bel rosso ciliegia o un rosa caramella, tanto più che tendo a usare lipstick indelebili! Certo, se fossi un'assassina dovrei truccarmi in modo diverso. Burrocacao da supermercato e non di più. Le tracce lasciate dai rossetti infatti sono elementi così “interessanti” che gli scienziati della University of Kent hanno messo a punto una nuova tecnica forense che non solo permette di risalire alla composizione (e questo già si poteva fare) ma assicura che l'impronta lasciata rimanga al 100% integra durante l'esame.

(Continua)

Stelle cadenti!

n. 290

perseo

Avete preparato un bel po' di desideri da esprimere durante la suggestiva, magica notte di San Lorenzo? Beh, preparatane ancora perché lo spettacolo in realtà raggiunge il massimo la notte fra il 12 e il 13 agosto. Ed è uno sciame meteorico: sarà romantico chiamarle “stelle cadenti” ma si tratta di meteore, cioè briciole di cometa intercettate dalla nostra atmosfera.

(Continua)

Pages