what's inside

Lo compro o no? Ghiacciolo Cola Esselunga

n. 685

gattosilverDopo l'uscita del mio libro “Cosa c’è nel mio cibo” (Giunti, 8,90 euro) un sacco di gente mi chiede consigli su come fare la spesa! Quello che rispondo è semplice: leggiamo le etichette e premiamo i produttori che mettono sul mercato alimenti che non contengono troppi coloranti, conservanti, ingredienti scadenti... Il problema infatti è che tendiamo ad accumulare nell’organismo troppi di questi pessimi ingredienti e col tempo la salute ne risentirà.  Ecco allora il primo post di una nuova rubrica, leggo l’etichetta e decido: Lo compro o no? E vi dico se questo prodotto è finito nel mio carrello o è rimasto sugli scaffali. Spero vi sia utile!(continua)

Cosa c'è dentro: Gnocchetti di patata Iper

n. 629

gnocchettiPatate reidrate 88% composte da… un sacco di cose:

acqua

fiocchi di patate 20%: si prendono delle patate, si fanno bollire, poi si schiacciano attraverso un rullo essicatore. Si ottiene un foglio sottile asciutto,  che viene sbriciolato in pezzi più o meno finemente a seconda della densità desiderata.

emulsionanti: mono- e digliceridi degli acidi grassi. Sono additivi (li trovate anche con la sigla E471) che servono per legare insieme i vari(continua)

Detersivo ecologico o marketing?

n. 511

winniL’ufficio marketing di un noto detersivo ci considera dei cretini, non c’è altra spiegazione. L’altra sera passa in tv uno spot dove si celebra la bontà del Winni’s, il detersivo ecologico, tutto mamme-bambini-giardini-cieli azzurri.

Bene, allora oggi al supermercato ho fotografato l’etichetta di questo prodotto e ho indagato su cosa fossero i singoli ingredienti.

È talmente rispettoso dell’ambiente che...(continua)

Acido glicolico

n. 497

bottigliaHo appena ricevuto un campione da provare di acido glicolico.

Un momento, mi sono detta, ma l’acido glicolico è quello che serve per il peeling chimico dal dermatologo: a qualche ora dall’applicazione il viso sembra un hamburger crudo (e dopo qualche giorno arrivano anche le croste)!

Niente di tutto questo. Oggi i chimici cosmetologi sono riusciti a ottenere una concentrazione e un pH del prodotto tale da essere sicuro per il trattamento in casa.(continua)

Pages